Il ciuccio: quando è la mamma a leccarlo
Giu201311

Spesso e volentieri capita di imbattersi in mamme che raccolgono il cuccio dei propri bambini una volta a terra e lo puliscono con la propria saliva prima di riconsegnarlo al proprio figlio. Inutile dire che le smorfie di dissenso sono all’ordine del giorno, eppure questa “tecnica materna” risulta essere un metodo infallibile per la tutela dei più piccoli, una modalità che riduce il rischio di asma e allergie.
A spiegarlo è la ricerca effettuata al Queen Silvia Children’s Hospital di Göteborg e pubblicata da Pediatrics: i bambini venendo a contatto con i microbi degli adulti diventano più forti. Per effettuare la ricerca, sono stati presi in esame 184 bambini, di cui l’80% particolarmente incline alle allergie avendo almeno un genitore allergico, che sono stati seguiti per tre anni e hanno subito test sulle allergie a 18 e 36 mesi di età. Il risultato è stato sorprendente: il rischio di eczema è risultato più basso del 63% nei bambini i cui genitori “pulivano” il ciuccio con la propria saliva, mentre per l’asma il rischio era minore dell’88%. A 36 mesi la differenza per l’asma era sparita, ma era rimasta una minore probabilità del 49% per l’eczema.
In un differente studio su 33 bambini, i ricercatori si sono accorti di quanto la flora batterica dei bambini con rischio più basso, fosse differente. Come spiegano gli autori della ricerca: “È sempre difficile dire se questa è l’unica spiegazione per l’effetto che abbiamo visto ma non abbiamo trovato altre spiegazioni plausibili, anche se i risultati andrebbero confermati con un test più ampio”.

[Fonte: Lastampa.it – Foto by Fimb on Flickr.com]