Depressione post-partum: sono stati scoperti i geni
Giu201306

Un disturbo di cui tante donne soffrono, una serie di stati d’animo capace di condizionare la vita personale, quella di coppia e soprattutto il rapporto con il proprio figlio. La depressione post-partum è un vero e proprio sintomo che, secondo quanto risulta da recenti studi, potrebbe addirittura essere scoperto ancor prima della nascita del piccolo.
A stabilirlo è stata una ricerca pubblicata sulla rivista Molecular Psychiatry, nella quale viene spiegato che basterebbe un esame del sangue in gravidanza per comprendere se la depressione colpirà la futura mamma. Questo semplicissimo esame, un prelievo del sangue, l’ennesimo tra tutti quelli a cui le donne incinte devono sottoporsi, è un esame che sarebbe in grado di prevenire la depressione, aiutando un gran numero di donne. La ricerca è stata condotta da Zachary Kaminsky, psichiatra della Johns Hopkins University School of Medicine a Baltimora. I geni in questione si chiamano TTC9B e HP1BP3 e di loro si sa solo che sono importanti per l’ipotalamo, il centro neurale che regola l’umore. Gli esperti hanno eseguito un’analisi dettagliata su tanti geni isolati da campioni di sangue di 52 gestanti ed hanno isolato TTC9B e HP1BP3 riscontrando che questi sono alterati nelle donne che, dopo il parto, presenteranno i segni di depressione. L’alterazione dei geni in gravidanza permette di predire con una certezza dell’85% se le gestanti svilupperanno il disturbo.

[Fonte: Lastampa.it – Foto by Joelle Inge-Messerschmidt on Flickr.com]